FERRAGOSTO

Quando ero bambina, Ferragosto segnava la svolta: non era più il tempo solo del riposo e del divertimento, i temporali estivi lasciavano temperature più miti, l’inizio della scuola iniziava a intravedersi e l’ozio di quelle ultime settimane di vacanza cominciava a prendere una forma diversa, quella dei miei progetti di bambina e delle cose da realizzare in autunno in famiglia (come per esempio fare la salsa di pomodori con la nonna). Ora il clima non è sempre così regolare, le vacanze durano meno, magari qualcuno le ha già finite da un po’, oppure le sta iniziando (e allora non va bene questo messaggio). Oppure non ha neppure potuto staccare dal lavoro in questo periodo così complicato o ancora peggio non vede una data di rientro. Il mio augurio per questo Ferragosto è che tutti possano trovare un piccolo momento di ozio, quello sano e necessario, quello che lascia un terreno rigenerato dove far nascere i semi che pianteremo in autunno per le coltivazioni invernali. L’ozio dei sogni, da dove partono tutti i progetti.

Buon Ferragosto a tutti.

Ilaria (Presidente ProPolis)